top of page

#1 BEAUTY EXPERT

INTERVIEW WITH OUR BEAUTY ARTISAN: MASSIMO


Italian Version


E’ ufficialmente arrivata la primavera, il periodo di rinascita per eccellenza e, per celebrare al meglio l’inizio di questa nuova stagione, ho deciso di rivoluzionare anche il mio blog.

In realtà questo progetto è astrattamente nato mesi fa, ma c’è voluto molto tempo e lavoro per organizzarlo nel dettaglio al fine di presentarlo nella maniera migliore possibile, essendo un’opera che non vede solamente me come protagonista. Ho, infatti, avviato una collaborazione che darà un volto nuovo ad ogni articolo che pubblicherò nella terza settimana di ogni mese: sarò affiancata da Massimo, uno dei più validi Beauty Therapist che io abbia avuto l’opportunità di incontrare e conoscere e che si è mostrato, sin da subito, molto entusiasta all’idea di un lavoro sinergico nato con l’intento di introdurre voi lettori alla scoperta di nuovi modi per prendervi cura di voi stessi e della vostra bellezza.


Credits: courtesy of Massimo's archives

Massimo si definisce, appunto, un “artigiano della bellezza” e capiremo insieme cosa questo significhi proprio grazie alle parole che ci ha dedicato in prima persona.

INTERVISTA A MASSIMO, BEAUTY THERAPIST

Buongiorno a tutti, mi chiamo Massimo e sono un artigiano della bellezza: mi occupo di far riemergere la luce e la tonicità naturale insite in ogni persona attraverso i miei massaggi lifting al viso.


Beauty Therapist: Massimo

Cosa significa esattamente essere un artigiano della bellezza?


Essere un artigiano della bellezza significa, prima di tutto, avere l’indole dell’esteta e amare ciò che è bello.

Con “bellezza” non intendo qualcosa di stereotipato, bensì un costrutto dalle mille sfaccettature e unicità.

Può, infatti, capitarci in alcuni giorni di sentirci più belli del solito anche se, in realtà, siamo sempre e comunque noi stessi.

Ciò che fa la differenza è il presentarci nella nostra forma più radiosa, cosa che influisce positivamente sulla sicurezza che abbiamo in noi stessi e sull’atteggiamento con cui affrontiamo la nostra giornata, il nostro lavoro ed intratteniamo i nostri rapporti: è proprio questo il mio concetto di “bellezza”.

Nel corso degli anni ho notato che molte persone, con il tempo, smettono di riconoscere in sé questa bellezza e quasi si arrendono all’invecchiamento ed al naturale cedimento della pelle, o peggio ancora, iniziano a rincorrere una gioventù che non gli appartiene con interventi chirurgici.

Non ho nulla contro la chirurgia, anzi: credo che abbia fatto passi da gigante e sia in costante evoluzione, ma la mia missione è quella di dare un’alternativa meno radicale ed invasiva rispetto all’ andare “sotto ai ferri” a donne e uomini desiderosi di tornare a vedersi e sentirsi belli.


Credits: courtesy of Massimo's archives

Per ringiovanire però non abbiamo solo la chirurgia estetica, ma anche la medicina estetica, come ad esempio il botox. Che differenza c’è?


Oltre al fatto che un ciclo di massaggi liftanti non prevedono nessuna forma di puntura, che di per sé è comunque un’azione invasiva se pur in modo molto limitato, il principio del botulino è opposto a quello del massaggio liftante: attraverso le iniezioni di botox infatti, andiamo ad immobilizzare il muscolo, consentendo di avere un risultato disteso per tutta la durata dell’effetto. Questo comporta la perdita di alcune micro espressioni e, svanito l’effetto, servirà un’altra seduta.

Nel caso del Kobido, invece, l’azione che vado ad applicare è opposta: non immobilizzo il muscolo, bensì lo riattivo con manualità molto precise che vanno a rimodellare e tonificare naturalmente tutta la conformazione del volto. Ad esempio lo zigomo si alza notevolmente, la zona del mento e del collo si distende e tonifica, la fronte perde le rughette espressive che tutti noi abbiamo e così via. Ovviamente i risultati dipendono dal viso della persona e dai suoi obiettivi.


Entriamo nel vivo dei tuoi trattamenti: in cosa consiste una seduta da te?


Una mia seduta si compone di diverse fasi: chi viene da me sa che dovrà avere almeno un’ora a propria disposizione. Il mio trattamento non va affatto d’accordo con la fretta!

Posso fare trattamenti nel mio studio o a domicilio, questo ovviamente fa variare leggermente le sedute. Quando accolgo le persone da me, per prima cosa igienizzo l’ambiente e ogni asciugamano con cui la persona entrerà in contatto durante la seduta.


Credits: courtesy of Massimo's archives

Dopo aver provveduto a mettere in sicurezza me stesso ed il mio ospite facendo attenzione a rispettare tutte le normative in vigore, ad attenderlo c’è una tisana di benvenuto: il primo momento, soprattutto con clienti che vengono per la prima volta, è dedicato a conoscersi e comprendere gli obiettivi della persona che ho davanti a me.

Non nego che questo è per me un momento anche di studio della conformazione del viso, un momento nel quale rompiamo il ghiaccio e nel frattempo osservo chi ho davanti a me. Successivamente faccio accomodare la persona sul mio lettino.

E’ mia premura utilizzare una mascherina FFP2 lungo tutta la durata del trattamento, perchè la bellezza può essere curata anche in totale sicurezza.

Il trattamento vero e proprio ha inizio con la prima fase di Beauty Routine Coreana: una tecnica davvero poco conosciuta in Italia ma indispensabile per il buon risultato del massaggio. Successivamente, utilizzando le mie pietre di Giada, proseguo con un drenaggio delle ghiandole e una tonificazione del tessuto con la tecnica detta Gua-Sha.

Infine, procedo con il face manual lifting con la tecnica del Kobido: una serie di manualità che portano a una vera e propria riattivazione muscolare.

Ogni seduta è diversa da persona a persona perchè la bellezza di ogni individuo è unica e così deve essere anche il trattamento per farla riemergere.


Dove è nata la tua passione?


La mia passione è nata in Asia, dove ho vissuto per molti anni a stretto contatto con persone che si occupavano di bellezza e benessere. Proprio lì ho scoperto la mia vocazione ed ho iniziato ad imparare alcune tecniche di massaggio da autodidatta, per poi specializzarmi come massaggiatore olistico per trattamenti corpo.

Quando ho incontrato l’arte del Kobido ne sono rimasto folgorato: non potevo credere ai miei occhi nel vedere i risultati che si potevano ottenere utilizzando come unico strumento le proprie mani. E così ho iniziato a studiare anche questa tecnica, sperimentando, apportando modifiche, affinando con l’esperienza... fino ad arrivare ad oggi, tornato in Italia, con un nuovo metodo che ho creato unendo il meglio dalle diverse tecniche e manualità.


Credits: courtesy of Massimo's archives

Per tuoi trattamenti che tipo di oli e prodotti utilizzi?


Assolutamente si! Amo testare personalmente diversi prodotti e la mia è una ricerca continua per assicurare il meglio ai miei clienti.

Recentemente ho, dopo un lungo lavoro di ricerca, trovato il mio marchio cosmetico di fiducia, Liliumdonna, il cui catalogo vanta una vasta gamma di prodotti per le diverse tipologie di pelle che ritengo decisamente validi.


A chi è adatto il tuo massaggio?


I miei trattamenti sono adatti a tutti coloro che amano prendersi cura di se’.

Inutile dire che un trattamento liftante non è adatto per persone sotto ai 30 anni, ma persone molto giovani potrebbero necessitare qualcosa che vada a migliorare un viso soggetto ad acne o ad altre problematiche.


Progetti futuri?


Nel corso degli anni, grazie allo studio e all’esperienza, ho creato un mio metodo che presto verrà registrato con un marchio ufficiale.

In questo periodo sto organizzando un corso, fatto per insegnare questa nuova tecnica e tutte le sue manualità, insieme ad un mio caro collega.

In questo corso, che vorremmo far partire questa primavera, insegnerò la mia tecnica e le basi del Gua-Sha, perchè per avere risultati visibili è fondamentale sapere come utilizzare le proprie mani sul viso di una persona.


Spero che l’intervista posta a Massimo vi abbia incuriositi.

Vi ricordo che, da questo momento in poi, saremo sempre a disposizione per rispondere ad eventuali vostre domande relative all’argomento e ci assicureremo di creare contenuti ad hoc che possano aiutarvi nella riscoperta della vostre bellezza. Colgo l’occasione per ringraziare nuovamente Massimo per il tempo che ha deciso di dedicare a questo progetto che condurremo insieme. Vi mando un caro saluto e, come sempre, vi do appuntamento al prossimo post.


 

English Version


Spring, the period of rebirth par excellence, has officially arrived and, to better celebrate the beginning of this new season, I have decided to revolutionize my blog.

In reality, this project was abstractly born a long time ago, but it took a lot of time and work to organize it in detail in order to present it in the best possible way, being a work that does not only see me as the protagonist. In fact, I have started a collaboration that will give a new face to every article that I publish in the third week of each month: I will be joined by Massimo, one of the most valid Beauty Therapists that I have had the opportunity to meet and know and who has shown, right from the start, very enthusiastic about the idea of a synergistic work born with the intent to introduce you readers to the discovery of new ways to take care of yourself and your beauty. Massimo defines himself as a "craftsman of beauty" and we will understand together what this means thanks to the words he personally dedicated to us.


Credits: courtesy of Massimo's archives

INTERVIEW WITH MASSIMO, BEAUTY THERAPIST

Hello everyone, my name is Massimo and I am a beauty craftsman: I take care of bringing out the light and natural tone inherent in each person through my face lifting massages.

What exactly does it mean to be a beauty craftsman?


Being a craftsman of beauty means, first of all, having the nature of an esthete and loving what is beautiful. By “beauty” I don't mean something stereotyped, but a construct with a thousand facets and uniqueness. In fact, in some days it can happen to us to feel more beautiful than usual even if, in reality, we are always and in any case ourselves. What makes the difference is that we present ourselves in our most radiant form, which positively affects the confidence we have in ourselves and the attitude with which we face our day, our work and entertain our relationships: this is precisely mine. concept of "beauty". Over the years I have noticed that many people, over time, stop recognizing this beauty in


Credits: courtesy of Massimo's archives

themselves and almost surrender to aging and the natural sagging of the skin, or worse yet, start chasing after a youth that does not belong to them with surgical interventions. I have nothing against surgery, on the contrary: I believe it has made great strides and is constantly evolving, but my mission is to give a less radical and invasive alternative to going "under the knife" to women and men eager to get back to seeing and feeling beautiful.

To rejuvenate, however, we not only have cosmetic surgery, but also aesthetic medicine, such as botox. What's the difference?

In addition to the fact that a cycle of lifting massages does not involve any form of puncture, which in itself is an invasive action, albeit in a very limited way, the principle of Botox is opposite to that of the lifting massage: through botox injections in fact, we are going to immobilize the muscle, allowing to have a relaxed result for the duration of the effect. This involves the loss of some micro expressions and, once the effect has disappeared, another session will be needed. In the case of the Kobido, however, the action I am going to apply is the opposite: I do not immobilize the muscle, but I reactivate it with very precise manual skills that naturally reshape and tone the entire shape of the face. For example, the cheekbone rises considerably, the chin and neck area relaxes and tones up, the forehead loses the expressive fine lines that we all have and so on. Obviously the results depend on the person's face and their goals.


Let's get to the heart of your treatments: what does a session with you consist of?

One of my sessions consists of several phases: whoever comes to me knows that he must have at least one hour at his disposal. My treatment does not go along with hurry at all! I can do treatments by myself or at home, this obviously makes the sessions vary slightly. When I welcome people to me, I first sanitize the environment and every towel the person will come into contact with during the session. After having taken steps to secure myself and my guest, paying attention to respect all the regulations in force, a welcome herbal tea awaits him: the first moment, especially with customers who come for the first time, is dedicated to know each other and understand the goals of the person in front of me. I do not deny that this is also a moment for me to study the shape of the face, a moment in which we break the ice and in the meantime I observe who I have in front of me.


Credits: courtesy of Massimo's archives

Then I make the person sit on my cot. It is my concern to use an FFP2 mask throughout the duration of the treatment, because beauty can also be treated in total safety.

The actual treatment begins with the first phase of the Korean Beauty Routine: a technique that is very little known in Italy but essential for the good result of the massage.

Subsequently, using my Jade stones, I continue with a drainage of the glands and a toning of the tissue with the technique called Gua-Sha.

Finally, I proceed with the face manual lifting with the Kobido technique: a series of manual skills that lead to a real muscle reactivation.

Each session is different from person to person because the beauty of each individual is unique and so must be the treatment to make it re-emerge.


Where was your passion born?


My passion was born in Asia, where I lived for many years in close contact with people who dealt with beauty and wellness.

Right there I discovered my vocation and started learning some self-taught massage techniques, and then specializing as a holistic massager for body treatments.

When I encountered the art of Kobido, I was struck by it: I could not believe my eyes when I saw the results that could be obtained using your own hands as the only tool.

And so I started studying this technique too, experimenting, making changes, refining with experience ... until today, back in Italy, with a new method that I created by combining the best of different techniques and manual skills.


Credits: courtesy of Massimo's archives

Do you also use oils and products to make your treatments?

Absolutely yes! I love to personally test different products and mine is a continuous research to ensure the best for my customers. Recently, after a long research work, I found my trusted cosmetic brand, Liliumdonna, whose catalog boasts a wide range of products for the different types of skin that I consider very valid. Who is your massage suitable for? My treatments are suitable for all those who love to take care of themselves. It goes without saying that a lifting treatment is not suitable for people under 30, but very young people may need something to improve a face prone to acne or other problems.



Future projects?

As I have already said over the years, thanks to study and experience, I have created my own method that will soon be registered with an official trademark. In this period I am organizing a course, made to teach this new technique and all its manual skills, together with a dear colleague of mine. In this course, which we would like to start this spring, I will teach my technique and the basics of Gua-Sha, because to have visible results it is essential to know how to use your hands on a person's face. I hope that the interview with Massimo has intrigued you. I remind you that, from this moment on, we will always be available to answer any of your questions relating to the subject and we will make sure to create ad hoc content that can help you rediscover your beauty. I take this opportunity to thank Massimo again for the time he has decided to dedicate to this project that we will conduct together. I send you a warm greeting and, as always, I give you an appointment at the next post.







bottom of page